lunedì 25 gennaio 2010

GLI ABBRACCI SPEZZATI

Immagine

GLI ABBRACCI SPEZZATI

di Pedro Almodovar (Spagna 2009) con Penelope Cruz, Lluìs Homar

Proiezioni presso il Cinema Cristallo (Oderzo):
Martedì 26 Gennaio ore 20.00 e ore 22.00
Giovedì 28 Gennaio ore 21.00

Una bellissima ragazza povera vive con un anziano uomo d'affari molto ricco che la ama follemente ed è geloso del desiderio di lei d'essere attrice di cinema. Due amanti fuggono a Lanzarote, sulla meravigliosa spiaggia di Famara. In un brutale incidente d'auto, la bella muore, il regista diventa cieco. Un ragazzo scopre che il suo datore di lavoro è suo padre. Diversi personaggi confessano improvvisamente, nel greve silenzio altrui, le malvagità e le menzogne della propria vita. Passione, gelosia, morte. Insomma: melodramma.
Non certo una novità, per Almodovar. Il regista però è cambiato: la sua ironia continua ad esercitarsi sul genere come ha sempre fatto, ma non sulle emozioni dei protagonisti che vengono invece raccontate con tenerezza, comprensione e rispetto. A queste emozioni si intreccia con uso magistrale della regia la storia personale di Almodòvar e del cinema, il variare dei suoi amori e stili, le fatiche, tutto. Si capisce che quando un regista mette in scena un regista divenuto cieco (l'aveva già fatto Woody Allen in "Hollywood Ending") ha poco da ridere (Allen era molto comico, però la sua cecità era psicosomatica). Ma il cinema è troppo importante, bisogna farlo al meglio anche quando non si può vederlo. Con il suo stile perfetto che lo fa somigliare a un vecchio thriller hollywoodiano sul tipo di "Gilda", per quanto sia tenero, amoroso e privo di sarcasmo, "Gli abbracci spezzati" è un gran film divertente ed intelligente con attori di grande qualità.

Lietta Tornabuoni - La Stampa



Nessun commento:

Posta un commento