giovedì 17 marzo 2011

Facciamo un ‘48! Il Risorgimento veneto a Palazzo Querini Stampalia



inaugurazione: 16 marzo 2011, ore 12

16 marzo - 1 maggio 2011

Facciamo un ‘48!
Il Risorgimento veneto a Palazzo Querini Stampalia
La mostra "Facciamo un ‘48! Il Risorgimento veneto a Palazzo Querini Stampalia" e la rassegna bibliografica di approfondimento che la accompagna, si inseriscono nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, proponendo un punto di osservazione “privato” sugli avvenimenti di questo momento storico fondativo del nostro Paese. L’esposizione inaugura mercoledì 16 marzo alle ore 12 e potrà essere visitata fino al 1 maggio 2011. Venezia e i suoi territori, dopo la caduta della Repubblica Serenissima nel 1797, furono soggetti alle dominazioni francese e austriaca. Se ne affrancarono definitivamente, dopo il fallimento dei moti insurrezionali del ‘48 e la mancata liberazione del 1859, nel 1866, quando con la III Guerra d’Indipendenza entrarono a far parte del Regno d’Italia. Giovanni Querini Stampalia, nato il 5 maggio 1799, visse il periodo risorgimentale nella stagione della sua maturità e le tracce di quegli eventi si ritrovano nei materiali d’Archivio della Fondazione, che egli stesso istituì per lascito testamentario. Dalle carte del suo archivio e dai documenti della sua ricca biblioteca si è costruito un percorso, sia testuale che iconografico, che abbraccia il periodo compreso tra il 1848 e il 1866: l’assalto a Palazzo Querini nell'agosto del '49 e l'arrivo in Veneto di Re Vittorio Emanuele II nell'agosto del 1866, costituiscono il pretesto per la narrazione degli intrecci tra le vicende storiche del Risorgimento veneto e quelle di un rappresentante della nobiltà veneziana. Un importante supporto iconografico è inoltre fornito da opere che provengono dalle raccolte del Museo della Fondazione e da Collezioni Private. Tra i materiali esposti, illustrazioni, incisioni, fotografie, carte geografiche, testi giuridici, periodici locali, componimenti d’occasione e memorialistica, documenti dall'archivio di famiglia (alcune lettere del conte Giovanni, che riportano vicende personali e fatti cruciali di quegli anni), monete della “Repubblica di Venezia” e medaglie di personaggi storici. orario da martedì a sabato 10 / 23; domenica e festivi 10 / 19. Chiuso il lunedì ingresso libero

Nessun commento:

Posta un commento