mercoledì 21 dicembre 2011

Armenia. Impronte di una civiltà

Khachkar di Sotk. Erevan, Museo della Santa Sede di Echmiadzin Sotk (Secolo XV)
Venezia, Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana
16 dicembre 2011 – 10 aprile 2012
Mostra organizzata dal Ministero della Cultura d’Armenia e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia e promossa dal Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Cinquecentenario della Stampa Armena, dal Ministero della Cultura d’Armenia, dalla Fondazione Musei Civici di Venezia, dall’Ambasciata d’Armenia a Roma, dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare – Museo Archeologico Nazionale, dalla Congregazione Armena Mechitarista e dalla Biblioteca Nazionale Marciana.
Una grande mostra dedicata alla civiltà armena sarà ospitata in occasione del V Centenario della stampa a Venezia del primo libro in lingua armena (1512), nei più importanti siti museali della città, in un percorso che si snoda dal Museo Correr, al Museo Archeologico Nazionale, fino alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana.
Sotto l’Alto Patronato dei Presidenti delle Repubbliche d’Armenia e d’Italia, l’evento veneziano apre ufficialmente le celebrazioni giubilari, che troveranno svolgimento con un fitto programma culturale nella magnifica capitale armena Yerevan, città dichiarata dall’UNESCO capitale mondiale del libro per l’anno 2012.

La mostra, curata da Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan e Vartan Karapetian, presenterà, in un ricco e affascinante percorso cronologico e tematico, oltre duecento opere provenienti dai principali musei e biblioteche dell’Armenia e dell’Europa, tra cui alcuni rarissimi manoscritti e miniature – opere eccezionalmente riunite in occasione della mostra veneziana – che daranno conto degli alti traguardi raggiunti dalla civiltà armena nel campo spirituale, artistico, architettonico, economico e del pensiero.
Antiche stele con la croce incisa, miniature dai vivissimi colori, documenti di architettura sacra e preziosi reliquari, custoditi per secoli nella Santa Sede della Chiesa Armena Apostolica a Echmiadzin, si uniranno ai suoni delle terre armene, accompagnando il  visitatore in uno straordinario viaggio dentro la civiltà di questo grande popolo, in uno arco temporale che dagli albori del Cristianesimo giunge fino al XIX secolo.

Particolare attenzione sarà rivolta ai lunghi e fattivi rapporti degli armeni con le diverse culture  dall’Europa e all’Estremo Oriente. La speciale relazione con la Serenissima sarà uno dei punti focali della mostra, una relazione secolare illustrata da documenti storici, manoscritti e opere d’arte, che racconteranno e spiegheranno al pubblico come si è sviluppata la presenza armena nella città lagunare e quali furono i rapporti politici, economici e culturali con Venezia.
Nell’ultima sezione, grazie ai preziosi manoscritti, si apriranno scorci sulla scienza, la teologia, la filosofia, la storiografia e la letteratura.
Una speciale sezione sarà dedicata alla pratica armena della stampa la cui data d’inizio risale al 1512: saranno esposti i migliori risultati dell’arte tipografica prodotti nella fitta rete delle colonie armene sparse in tutto il mondo. In questo speciale capitolo della mostra particolare importanza rivestirà la documentazione della gloriosa tradizione tipografica armeno-veneziana, portata all’apice della sua qualità dalla laboriosa e illuminata dedizione dei Padri Mechitaristi.
L’esposizione non si chiuderà negli spazi museali: i visitatori potranno esplorare i luoghi armeni di Venezia, seguendo alcuni interessanti itinerari “disegnati” dai curatori, a partire dalla suggestiva isola di San Lazzaro, dove la sezione dedicata alla stampa e ai rapporti armeno-veneziani “traghetterà” al termine della Mostra presso il Museo della Congregazione Armena Mechitarista fino a fine estate 2012.
Catalogo Skira-Milano, con contributi di insigni studiosi internazionali e della Scuola degli armenisti italiani.


Venezia e l’Armenia. Impronte di una civiltà.
Sede: Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale e Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana
Inaugurazione: 15 dicembre 2011
Apertura al pubblico: dal 16 dicembre 2011 al 10 aprile 2012
Orario: dal 1 novembre al 31 marzo, tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00; dal 1 aprile, tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00.

Biglietto mostra VENEZIA E L’ARMENIA. Impronte di una civiltà: ingresso con l’orario e il biglietto del museo.
………………………………………………………………………………………………….
Email info@fmcvenezia.it
Call center 848082000 (dall’Italia); +39 041 42730892 (dall’estero)
Prenotazioni: Call center 848082000 (dall’Italia); +39 041 42730892 (dall’estero)

 

ARMENIA. Imprints of a civilization.

General info

From December 16th 2011 to April 10th 2012
Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, and the Monumental Rooms of the Biblioteca Nazionale Marciana
Opening hours: daily, from 10 am to 5 pm (ticket office from 10 am to 4 pm); from April 1st, daily, from 10 am to 7 pm (ticket office from 10 am to 6 pm);
VENEZIA E L’ARMENIA. Imprints of a civilization exhibition ticket: exhibition included in the museum’s general admission.
………………………………………………………………………………………………………………………….
For further info: info@fmcvenezia.it
Call center 848082000 (from Italy); +39 041 42730892 (from abroad)
Bookings:
Call center 848082000 (from Italy); ++39 041 42730892 (from abroad)

Nessun commento:

Posta un commento